Stage 2004

PSICOLOGIA DEGLI ELEMENTI

 

Sin dall’antichità gli scienziati e studiosi dell’animo umano si accorsero che gli individui possono essere suddivisi in ampi gruppi in base a modelli di comportamento simili o di somiglianze somatiche. Si definirono così delle classificazioni molto generali, a partire dall’esempio più antico che risale ai tempi della Grecia classica: la teoria dei temperamenti.

 

Secondo la teoria ippocratica dei caratteri il sangue, il flegma, la bile gialla e la bile nera sono i quattro umori dalla cui combinazione risultano i vari tipi di personalità e di predisposizione alla malattia. E’ dalla predominaza dell’uno sugli altri o dalla combinazione di questi quattro elementi che risultano i vari tipi di temperamento e di predisposizione alla malattia.

 

E’ con Galeno, tra il I ed il II sec. d.c. che la dottrina ippocratica troverà una prima sistematizzazione che porterà ad una classificazione dei tipi rimasta celebre fino ai nostri giorni: Il sanguigno, il flemmatico, il melanconico ed il collerico.
Da sempre i quattro elementi, aria, acqua, fuoco e terra, sono stati usati per descrivere la realtà. Simboli potenti, dalla filosofia all’astrologia sono giunti alle tecniche terapeutiche New age.

 

Ma anche la psicologia li usa come metafore.
Si prestano a condensare tutti gli aspetti della personalità, che devono essere in equilibrio fra di loro. E ciascuno di essi è sia positivo sia negativo nel suo potere. Ad esempio il fuoco, che è necessario alla vita, ma è capace di distruggerla. O l’acqua, che disseta, purifica, e inonda.

 

Ciascuno di noi può trovare in sé tutti e quattro gli elementi, anche se spesso è uno a prevalere: come indica l’astrologia, che individua i segni di terra, d’aria, d’acqua e di fuoco. Si può allora desiderare di enfatizzare il proprio elemento base, per appropriarsi del suo potere, oppure al contrario cercare un contatto con l’elemento opposto, per conoscerlo e riequilibrarsi.

 

Ed allora avviene spontaneamente che si sia attratti dall’incontro con esso, che di solito è salutare, specie se è consapevole e se avviene in più modi diversi, coinvolgendo il corpo, la mente e il cuore.
 
In questo secolo lo psicanalista C. G. Jung distinse quattro modelli basilari di comportamento, che insieme formano la globalità della personalità e della psiche, e le chiamò “funzioni” o “tipi psicologici”:

 

pensiero

sentimento

sensazione

intuito

 

Si tratta di quattro modi diversi di vedere, valutare, interpretare e vivere la vita.

 

Nella psiche individuale sono contenute tutte e quattro le funzioni, ma ogni persona ne sviluppa a livello cosciente una in particolare, detta funzione primaria che adopera per mettersi in contatto con se stessa e il mondo circostante, mentre le altre rimangono in “secondo piano”.

 

Inoltre le funzioni si dividono in due coppie di opposti complementari ed incompatibili, che non possono agire contemporaneamente:

 

pensiero e sentimento

sensazione ed intuito

 

 

Ciò significa che se una persona ha un carattere e un modo di fare di tipo Pensiero potrà avvalersi anche dell’Intuizione o della Sensazione ma le sarà impossibile comportarsi consapevolmente secondo il modello Sentimento.
 
Quest’ultima funzione, detta inferiore, non essendo vissuta coscientemente, lascia una specie di vuoto nell’atteggiamento esteriore che, poiché la psiche secondo Jung tende verso la completezza, in qualche modo deve essere colmato. Siamo così costantemente alla ricerca inconscia di ciò che ci manca e tendiamo a trovarlo negli altri.
 
Allora ci accade di essere attratti istintivamente ed inconsapevolmente da persone che rappresentano e rispecchiano quella parte di noi che ci sfugge e che in qualche modo deve essere ascoltata. Se non siamo consapevoli di questa dinamica, nel rapporto possono crearsi delle incomprensioni immotivate, tensioni che portano alla rottura e ci lasciano con un indefinito senso di mancanza di qualcosa.
 
Riconoscere che in noi vive anche il “tipo” rappresentato da un amico, un partner, un amore mettendosi in contatto responsabilmente con la propria funzione trascurata e ascoltando quella voce sconosciuta e a volte sgradita che viene dal profondo dell’anima, favorisce la crescita personale nonché una migliore comprensione e accettazione dei nostri rapporti con gli altri.
 
Non ci sono funzioni migliori delle altre ma tutti e quattro i tipi hanno qualità che sono necessarie per una percezione e valutazione olistica del mondo.
Naturalmente non tutte e quattro le funzioni sono ugualmente forti in ogni individuo, ma in genere una funzione domina e le altre tendono ad essere “sottosviluppate”.
 
Per raggiungere la pienezza una persona dovrebbe cercare di sviluppare tutti i quattro i modi di percezione, anche se è un compito altamente difficile.
 
Ancor prima della psicologia, l’astrologia con la suddivisione dello Zodiaco nei 4 elementi fondamento della vita (Terra, Acqua, Fuoco, Aria) stabilì una prima ampia ripartizione degli individui in gruppi simili per carattere e comportamento.
Le caratteristiche degli elementi vanno a coincidere con i quattro tipi o funzioni descritti dalla psicologia secondo i seguenti abbinamenti:
 
 

Fuoco-Intuito

Terra-Sensazione

Aria-Pensiero

Acqua-Sentimento

 
 
Dal tema natale, dalla distribuzione dei pianeti nei segni e nelle case, possiamo stabilire quale dei quattro elementi-tipi influisce sul nostro modo di essere e di comportarci a livello cosciente e individuare qual è quello di cui siamo carenti e al quale dobbiamo dare più spazio.
 
 

TIPI PSICOLOGICI

 

TIPO INTUITO

 
Il fuoco è elemento astrologico del tipo intuito; le persone con una predominanza di segni di fuoco tendono ad infiammarsi facilmente e la loro spontaneità è quasi proverbiale.
L’intuizione è la forza di questo tipo irrazionale, la cui percezione si basa su concetti mentali o spirituali; è una persona spontanea, vitalissima, piena di fantasia e molto originale che vive la vita con un senso del dramma romanzesco, a volte un po’ eccessivo.
 
Il tipo Intuito ha un carattere penetrante, sa cogliere la natura profonda della realtà, percepisce immediatamente ciò che gli altri non colgono, la totalità di una situazione, arrivando al nucleo delle cose, estraendo l’essenza dall’esperienza.
 
L’individuo con una funzione intuito dominante è lungimirante ed intraprendente, spinto a lanciarsi in grandi imprese, salvo poi abbandonare tutto non appena le cose si stabilizzano troppo nella routine.
 
E questo sentirsi prigioniero nelle situazioni troppo stabili e sicure lo riflette anche nei rapporti affettivi.
 
Sarebbe importante per il tipo intuito non restare isolato all’interno della sfera spirituale ma valutare e coltivare le funzioni opposte di sensazione e realismo.
 
Infatti, poiché dentro di sé si rende conto che deve imparare ad adattare al mondo reale le sue fantasie, stabilendo un contatto con le cose terrene è attratto dal tipo Sensazione, che ha i piedi ben piantati per terra e dà molta importanza alle cose concrete.
 

TIPO SENSAZIONE

 
Questo rappresenta uno dei due approcci irrazionali alla percezione. Il termine irrazionale significa che tale funzione non giudica le cose ma raggiunge la comprensione usando i sensi; si affida a quello che può vedere, sentire, gustare, toccare, annusare.
 
Si potrebbe chiamare il tipo realistico perché si trova completamente con i piedi per terra.
 
Il tipo Sensazione è una persona con carattere concreto, realista, pratico, efficiente, organizzato e responsabile, è molto attaccato ai beni materiali, stabilità e sicurezza economica sono al top delle sue aspirazioni; ama molto i piaceri della vita e circondarsi di cose belle, si fa strada nella vita con perseveranza e pazienza, arrivando sempre ai suoi obiettivi.
 
In astrologia la funzione sensazione è rappresentata dai segni di terra, che hanno a che fare con tutto ciò che è reale e concreto; la persona terra coglie gli stimoli dall’ambiente che la circonda e li divide in categorie, è pratica e sobria, il materiale ed il fisico sono i suoi domini.
 
Dato che il suo rapporto col mondo è basato su ciò che percepiscono i sensi, crede in ciò che appare e dà importanza solo ai fatti concreti; così facendo perde di vista le connessioni interne tra le cose, il loro significato profondo, il senso della totalità, rischiando di soffocare l’impulso creativo e la fantasia.
 
Il tipo sensazione può rischiare di vedere solo le cose materiali e di perdere il legame col tutto; per questo ha bisogno di espandere la sua concezione della realtà aggiungendovi la dimensione di significato.
 
L’unica via per uscire da quella monotonia in cui il Tipo Sensazione si avviluppa come una “coperta di Linus” è dare spazio ai lampi penetranti dell’intuizione; per questo è attratto dal tipo Intuito da cui può imparare che abbandonare la materia non è sinonimo di instabilità e cogliere ciò che sta dietro la superficie delle cose, arrivare all’essenza.
 

TIPO SENTIMENTO

 
Il tipo sentimento si trova al polo opposto del tipo pensiero; è una funzione razionale e valuta situazioni e persone usando criteri emozionali.
 
Questo tipo è molto sensibile, dà molto spazio allo scorrere delle impressioni del cuore e si basa su queste per determinare le sue scelte di vita; vive quindi tutte le sue esperienze ascoltando e fidandosi di ciò che “sente” dentro di sé e che prova al momento e si comporta di conseguenza.
 
Dal mondo, e soprattutto dalle persone cerchi risposte altrettanto emotive e se queste non vengono spontaneamente provochi crisi in grado di suscitarle.
 
In astrologia l’oroscopo sentimento mostra una predominanza di segni d’acqua e tutti questi segni hanno un approccio emozionale con l’ambiente che li circonda.
 
I tipi di acqua agiscono spesso seguendo le loro emozioni piuttosto che cercando discussioni razionali.
 
Per loro i rapporti umani sono importantissimi e poiché capiscono istintivamente i loro bisogni più profondi e fanno di tutto per metterle a loro, entrano facilmente in relazione con le persone che gli stanno intorno.
 
L’individuo con predominanza di acqua ha, al contrario del tipo aria, il dono di essere in contatto con le energie istintuali che si muovono nell’inconscio e i sogni e la fantasia sono particolarmente significativi per questo tipo di persona.
 
Se la funzione sentimento di un individuo è troppo sviluppata, egli corre il rischio di allontanarsi completamente dal più “leggero” mondo delle idee, poiché è controllato da spinte soggettive senza accettare la ragione come strumento valido.
 
Istintivamente il tipo Sentimento è attratto dal tipo Pensiero, perché sente che può aiutarlo ad acquisire quel respiro e quella prospettiva più ampia di cui ha bisogno per trovare il suo equilibrio intimo.
 

TIPO PENSIERO

 
Il tipo pensiero ha una funzione pensiero predominante. Questo individuo considera il mondo in modo razionale, analizza le cose seguendo la logica e le valuta usando criteri “oggettivi”.
 
E’ una persona molto coerente e razionale, dà molta importanza a ciò che pensa e cerca un senso logico in tutte le cose, una ragione esprimibile in un linguaggio chiaro e preciso.
 
Riallaccia il suo modo di pensare ed essere nella vita di tutti giorni ad una struttura di idee preordinate che gli è stata insegnata o è frutto della sua educazione e cultura.
 
E’ anche molto attratto dalla conoscenza e da tutto ciò che fa cultura, tende a classificare i fenomeni che lo circondano, è molto socievole, comunicativo, tiene alle sue amicizie e gli piace stare in compagnia con persone con cui instaurare rapporti di scambio di idee ed opinioni, mantenendo però il controllo di chi osserva dall’alto e con distacco.
 
Se in un oroscopo più di un pianeta o l’ascendente si trovano in segni d’aria, l’individuo percepirà l’ambiente che lo circonda soprattutto attraverso la sua mente razionale, è attratto da discussioni “ragionate”, non dai sentimenti.
 
Con una predominanza di aria, la funzione sentimento resta spesso “sottosviluppata”.
 
Egli può trovare difficile decidere “a pelle” o accettare criteri soggettivi e può avere difficoltà nel mostrare le emozioni o nel reagire emotivamente.
 
Una funzione pensiero che troppo sviluppata che ignora le altre funzioni, porta a freddezza emozionale, mancanza di fantasia e sovraccarico mentale.
 
Istintivamente il tipo Pensiero è attratto dal tipo Sentimento, che l’aiutano a “sentire” e a mettersi in contatto con il mondo attraverso il fluire delle emozioni interiori.
  

Lara Ventisette